Centro Famiglie & Dintorni

Per un aiuto psicologico ed educativo

PSICOMOTRICITA’

PSICOMOTRICITA’

Lo psicomotricista in età evolutiva si occupa di prevenzione, di cura e di riabilitazione dei disturbi psicomotori e neuromotori. Nella stanza di psicomotricità il bambino ha la possibilità di esprimersi in libertà con il corpo attraverso il gioco in un ambiente facilitante. Giocando, il bambino può mettersi alla prova, scoprire nuove strategie per trasformare le sue potenzialità in strumenti utili per acquisire le successive tappe di sviluppo.

Il terapista dell’età evolutiva accompagna il bambino durante questo percorso affinché lo sviluppo cognitivo, relazionale, emotivo e motorio sia armonico e adeguato all’età.

La psicomotricità riabilitativa è indicata e raccomandata nei disturbi:

  • Ritardo mentale
  • Ritardo neuro-psicomotorio
  • Disturbi pervasivi dello sviluppo
  • Disturbi del controllo sfinterico
  • Deficit di attenzione
  • Disturbi del comportamento (iperattività/inibizione)

Il terapista in età evolutiva si occupa anche dell’acquisizione delle tappe motorie e dei seguenti deficit neuromotori:

  • Ritardo nelle tappe motorie (rotolo, gattonamento, afferramento, deambulazione)
  • Deficit posturali del neonato e patologie del tono
  • Malfomazioni congenite (piede torto, torcicollo)
  • Sindromi genetiche con conseguente ritardo motorio
  • Danni neurologici periferici o centrali
  • Paralisi Cerebrali Infantili (tetraplegie, emiplegie, diplegie)
  • Deficit di coordinazione, disturbi prassici e disprassie

È possibile effettuare valutazioni e terapie con il Metodo-Terzi, una metodologia cognitivo-motoria che favorisce la creazione di rappresentazioni mentali del proprio corpo, dello spazio e del movimento attraverso i processi di analisi e sintesi. Il Metodo Terzi viene utilizzato nei seguenti casi casi: disturbi di organizzazione spazio-temporale, ipovisione, ritardo mentale, disturbi specifici dell’apprendimento, disturbi d’apprendimento non verbale e disturbi neuropsicologici e, per l’adulto, anche nei casi di gravi lesioni neurologiche acquisite e nel morbo di Parkinson.

Il nostro Centro può inoltre eseguire valutazioni neuromotorie dello sviluppo del bambino dai 3 mesi ai 18 per verificare un sano ed equilibrato sviluppo delle acquisizioni neuromotorie, osservando e valutando i riflessi e le prime funzioni motorie (valutazione degli spostamenti orizzontali e verticali, facilitazioni per il raggiungimento delle tappe di sviluppo psicomotorio, consigli per la cura posturale).

La precocità dell’intervento consente la tempestiva individuazione di problematiche che potrebbero risultare difficilmente trattabili in un periodo successivo.